LUIGI PISTOJA – Garibaldino e patriota di Subiaco, “che fu de’ Mille”

luigi pistojaLuigi PISTOJA nasce a Subiaco il 27 febbraio del 1831 da Giuseppe e Benedetta Fedeli. Luigi nel 1859 la scia Roma dove si era trasferito per svolgere l’attività di muratore, e poi arruolarsi volontario nella guerra contro l’Austria. Entra nella 16^ compagnia dei Cacciatori del Appennini  (inglobato successivamente nella Brigata Cacciatori delle Alpi ) sotto il comando del Generale Garibaldi. Terminata la “campagna” del 1859 con l’Armistizio di Villafranca si perdono le tracce di Luigi Pistoja. E’ difficile ipotizzare un suo rientro a Subiaco, perché vi sarebbe stato arrestato, in quanto aveva servito un esercito, nemico dello Stato Pontificio. Lo ritroviamo a Genova nel 1860 quando si imbarcò con i MILLE per la spedizione in Sicilia...

Leggi

1915 – 2015 Centenario dell’entrata in guerra dell’Italia

Subiaco 23 Maggio 2015 alle ore 10:30 presso la Sala Consiliare del Comune di Subiaco verrà presentato il libro Subiaco in Trincea di Alessandro Scafetta.

Alle ore 11:30 in Piazza Gerardo Lustrissimi – Monumento dei Caduti, verrà inaugurata la lapide commemorativa con lettura dei  nomi dei caduti sublacensi nella I guerra mondiale.

 

1915 - 2015, Sublacensi in trincea

 

Leggi

ANCORA PROBLEMI DI ETERNIT? RIMUOVIAMOLI!

eternit

Caro Direttore, basta alzare lo sguardo su molti palazzi di Subiaco per scoprire ancora tracce di quel micidiale elemento chiamato eternit, che ha provocato e provoca ancor oggi migliaia di morti.

Nelle miniere di amianto in Italia sono tristemente famose le città di Casale Monferrato e di Bussi, che avevano molti addetti nella produzione di eternit, e che non vedono riconosciute le loro ragioni da una giustizia, che assolve l’industriale svizzero arricchitosi sulla pelle della gente e per di più non riconosce (sentenza recente) nemmeno un indennizzo per disastro ambientale.

Leggi

L’UNIVERSITA’ POPOLARE DI SUBIACO NEL 2015

LogoUpSubiaco

Il Presidente dell’UPSubiaco Dott. Benedetto Appodia ( con il Consiglio Direttivo) ha varato le linee del programma 2015:

  • invito sa Subiaco al dott. Giuseppe Proietti – attuale Sindaco di Tivoli- per individuare gli studi preliminari idonei per candidare Subiaco e il Sublacense a “SITO UNESCO PATRIMONIO DELL’UMANITA’; e per cominciare a ri-fondare una maggiore, necessaria integrazione tra le realtà “storiche”di Subiaco e Tivoli, nel quadro della Città Metropolitana;
Leggi

L’ex servizio militare obbligatorio – Antologia semiseria sulla“naja”di una volta

naja

Interessò per un paio di secoli milioni di giovani, prima “sotto le armi” (e poi, troppo spesso, in guerra).

A scanso di equivoci, qui non trattiamo della critica radicale dell’istituzione esercito, anche se coltiviamo l’ideale del disarmo generale e controllato in tutto il mondo (con le “armi” solo nelle mani di Polizie “interne”).

Fra una generazione, alcune parole ed espressioni che un tempo erano di dominio e uso comune, non si capiranno più, se non dopo una piccola ricerca “storico-filologica”.Tra queste parole ed espressioni a rischio di oblio, citiamo, a caso:carta carbone”,”calamaio”,”voce in Capitolo”, “antifona”, ecc..

Ora ci vogliamo dedicare a tutto un mondo di parole e significati intorno allanaja” (a scanso di equivoci, diciamo ch...

Leggi

Giornata di Amicizia SUBIACO-ARMENIA – Subiaco 27 Settembre

Subiaco - Armenia Sabato 27 Settembre 2014 presso la sala consiliare del comune di Subiaco si terrà la Giornata  di Amicizia Subiaco  Armenia in occasione dell’anniversario della strage degli Armeni per  celebrare l’accoglienza della comunità armena  da parte dei Sublacensi.

Leggi

VISITE GUIDATE PER TUTTI!

Università Popolare in collaborazione con Sandro Scafetta per l’anno 2014/2015

propone alcune visite guidate che si svolgeranno nelle mattine dei giorni festivi e prefestivi.

Leggi

“Ho un sogno”

PER LA VALLE DELL’ANIENE ci vorrebbe una specialissima “tavola rotonda”.

“Il futuro ha cuore antico”. Vorremmo ispirarci a questo titolo di Carlo Levi, per sognare una salvezza e rinascita della Valle dell’Aniene nel futuro prossimo.

L’imminente determinazione dell’Area Metropolitana ci mette alle strette. Che ci stiamo a fare, noi, popolazione della Valle dell’Aniene, in questo rinnovato spazio politico-amministrativo, urbanistico, culturale, economico e residenziale?

Se tutto deve cambiare perché nulla cambi, allora il cambiamento si riduce a un gioco di cariche politiche, non divertente. Ma se riflettiamo e agiamo perché qualcosa di buono avvenga, allora ecco alcune riflessioni, simili ad una sorta di “realismo magico”, un sogno ad occhi aperti.

Per noi, inutile ...

Leggi

UN INEDITO DON PAOLO CAROSI O.S.B. e le “AUCTORITATES” CLASSICHE SULLA STORIA SUBLACENSE

Per evitare di essere ogni volta interpellato su fatti particolari o personaggi della storia locale (così ci confidò, negli anni ‘60), Don Paolo Carosi -, monaco benedettino in Subiaco, filosofo e storico – realizzò questo manoscritto, un centone di notizie storiche, citazioni, “auctoritates”sull’Aniene e Roma, gli Equi e i Romani, costruzioni neroniane e antichi acquedotti di Roma, il periodo pre-cristiano, inizi del Cristianesimo nella Valle dell’Aniene, S. Benedetto e Subiaco, medioevo Sublacense, la prima tipografia Sublacense, visitatori del Sacro Speco.

Trascriviamo finalmente questi testi. In realtà, sono appunti molto sintetici, possibili tracce per altre ricerche...

Leggi

Basso merito zero ambizioni

C’è stato un tempo felice in cui tutto il corpo sociale viveva di impulsi politici. Dalla fine della guerra fino al crollo della Prima Repubblica la vita di tutti era segnata dal primato della politica: dal primato delle grandi ideologie dell’epoca (comunismo, liberismo, corporativismo, dottrina cattolica); dal primato della dialettica fra i sistemi geopolitici (mondo occidentale, mondo arretrato, Paesi cosiddetti non allineati); dal primato anche quotidiano di scontri sociali e mobilitazioni di classe. Tutto era politica.
Ma, al di là della forte ruvidezza conflittuale di quegli anni, la politica non ci dispiaceva, perché ci trasmetteva un messaggio comune: crescete, andate avanti, salite la scala sociale, diventate altro da quello che siete...

Leggi